venerdì 27 dicembre 2013


Emiliano Rizzo

Anch’io, insieme a tanti altri, piango la scomparsa di Costanzo Preve, un grande filosofo mai sceso a patti con nessuno. Da semplice appassionato di filosofia, Preve mi ha insegnato, anche grazie alla parziale lettura del suo ultimo libro Una nuova storia alternativa della filosofia, che le idee filosofiche non sono un’accozzaglia contrapposte di idee che vertono una contro l’altra, ma che esiste in realtà, anche se non sempre chiaro e subito individuabile, un filo conduttore che unisce tutti i filosofi – da Socrate a Gentile – nella ricerca comune della verità.
Ho conosciuto Preve grazie ai video postati su YouTube da Diego Fusaro. Alcuni di essi sono già stati postati da me in questo blog, così come alcuni articoli, come per esempio la difesa di Benedetto XVI contro l’attacco gratuito e rozzo da parte di Umberto Eco. Adesso ci sono rimasti i mastini apologeti del disastro economico, morale e sociale in cui quasi tutti viviamo, per lo meno in Italia.
Di Preve, per fortuna, ci restano le opere e i video.
Ci mancherai.
20131123-194416.jpg